lunedì 13 ottobre 2014

Genova nel cuore

E' da molto che non aggiorno queste pagine.
Molto è dovuto al fatto che sto preparando dei pensieri e degli scambi natalizi...
In questi giorni la mia terra è stata funestata un'altra volta dall'alluvione, tutti gli altri pensieri risultano anacronistici e stonati.
Abito nel Levante ligure, qui da me non si hanno avuto danni, non è piovuto con la forza terribile che si è riscontrata a Genova.
Ci sono tante cose che vorrei dire, tante accuse per chi in questi ultimi tre anni (dalla scorsa alluvione) niente o poco ha fatto per cercare di porre rimedio a situazioni critiche e gravi.
I fiumi e i torrenti non sono più rispettati, non sono più puliti, si continua a costruire sopra ed accanto di essi.
Il clima cambiato e delle precipitazioni di una più forte intensità fanno il resto.
Recriminare ora non serve...
Sono vicina con il cuore a tutti i genovesi che si sono visti portare via anni di sacrifici in pochi minuti.
Sono vicina a chi in questi giorni, tanti ragazzi e giovani in prima linea, ha aiutato, ha cercato di dare una mano a liberare dal fango.
Provo una tristezza infinita a vedere certe immagini... ma so che noi liguri siamo gente concreta, forte, che non si piega davanti alle difficoltà, che si rimbocca le maniche e riparte... per l'ennesima volta.
                               Forza Genova!
Foto tratte dalla pagina Fb del Secolo XIX



11 commenti:

  1. Condivido tutto ciò che hai scritto... E anch'io faccio il tifo per Genova! Un abbraccio a te e alla tua terra.
    Vanessa | Tra zucchero e vaniglia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vanessa, ti abbraccio anch'io <3
      Sonia

      Elimina
  2. Sono vicina a tutti i Genovesi! <3
    So cosa significa aver paura dell'acqua! Casa mia nell'ultimo anno si è allagata ben tre volte, ogni volta che piove facciamo la ronda con i condomini e rimaniamo svegli tutta la notte perchè abbiamo i posti auto e le cantine nel seminterrato, per non parlare dei condomini del primo piano che sono sordo muti e vivono nel terrore di allagarsi nuovamente e di rimanere intrappolati in casa!
    L'ultima volta non solo l'acqua piovana ma anche le fognature e il comune ci ha dato una bella mano chiudendo le idrovore!! Ammettendo pubblicamente la cosa come uno 'sbaglio'??!!! Gli abbiamo fatto causa!
    Queste sono veramente cose dell'altro mondo!
    E la mia domanda è sempre e solo una... i soldi che sono stati stanziati per evitare queste apocalissi dove sono finiti???!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai pefettamente ragione... se penso poi che i soldi c'erano per iniziare i lavori sul Bisagno, sono stati appaltati dei lavori ma mai iniziati per degli appelli da parte di chi queste gare d'appalto le aveva perse, mi monta un nervoso, una rabbia incontenibile. Tutti questi imprenditori che hanno fatto ricorso devono sentirsi co-colpevoli di questa situazioen.
      Mi spiace che anche tu abbia dovuto affrontare simili paure e disagi...
      Ti abbraccio caramente
      Sonia

      Elimina
  3. Condivido anche io. Tra l'altro ho parenti sia a Genova, che Busalla, che anche se più alto, ha avuto i suoi problemi. La terra si ribella, e finchè non si rispetta un pò di più la natura, non ci sarà tanto da fare, se non correre al riparo dei danni.

    RispondiElimina
  4. Oh, queste immagini sono triste ... mi sento per te!

    RispondiElimina
  5. Sad pictures, I'm so sorry.:(
    Terrible floods were this year in Serbia...

    RispondiElimina
  6. Che tristezza infinita.....:-( quello che fa più rabbia è il sentirsi abbandonati dalle istituzioni, l'assistere al continuo rimpallo di responsabilità tra chi avrebbe dovuto intervenire affinchè questo disastro non avesse a ripetersi... sono con voi, Forza Genova!

    RispondiElimina
  7. sono vicina a tutti i genovesi!
    Putroppo un'altra volta ci si trova a dovere fare i conti con qualcosa che non doveva succedere e a doversi rimboccare le maniche (..ma solo per la povera gente)
    Conosco purtroppo la situazione: anche qui a gennaio alcuni comuni della mia provincia sono andati sott'acqua :-(
    Sandra

    RispondiElimina
  8. Nn sono passati tanti meso da quando la divisa d'oordine era stivali, pala e lavavetri.....ricordi che tornano alla mente e come sempre la rabbia per quelle cose che nn sono state fatte per evitare queste catastrofi e quel groppo in gola che nasce.pensando a tutti quei volontari che senza nulla in cambio hanno dato una mano....i sentimenti sono stati tanti , belli e brutti....ma vorresti che altri nn vivano piu' quello che si e' passato.glo

    RispondiElimina
  9. Sono stati giorni difficili a pochi passi da noi un disastro,la nostra grande superba ancora una volta piegata dall' acqua dal fango e purtroppo dall'uomo che ha fatto impazzire la natura e che per potere politico e altro non è capace a difendersi e a convivere con le leggi della natura ma purtroppo capace a convivere solo con il dio denaro ...non servono polemiche non aiutano nessuno servono solo fatti concreti e veri!!un bacione e ovviamente forza Zena!!

    RispondiElimina